domenica 29 marzo 2009

riflessioni

Leggendo mammamsterdam (cito dal suo post)
"che le donne di puro spirito preferiscono ingoffarsi per principio,"
mi son venute alcune considerazioni...sono anche andata fuori tema..ma si sa gli spunti servono a ciò!
Riflessioni sulla mia lontana adolescenza,sulla conseguente maturità e sul sentirsi a proprio agio nei panni e nel corpo! Ho ereditato dalla mia povera mamma una grandissima insicurezza sul mio corpo ,sulla mia eventuale avvenenza (quando ero 50 kg. per 1,72di altezza e mi sentivo ugualmente grassa!) e la non capacità di sapermi vestire...di vedermi bene allo specchio..di rapportarmi alle altre donne o alla moda del tempo...
ERO un brutto anatroccolo fra papere ,oche e altri cigni? Ma no...io non mi sono mai trasformata esteriormente in cigno...anzi!
Son rimasta un brutto anatroccolo fuori (addirittura son diventata 90 chili!)o diciamo meglio una grossa goffa oca...ma DENTRO...già dentro mi son sempre sentita un cigno..
presuntuosa? Forse! Mi son sempre sentita uno spirito limpido e sottile,
un'anima fulgida e lieve ...insomma ho peccato di superbia e presunzione...
Però ..ora che gli anni mi han segnato bene, che la saggezza (?) è sopraggiunta, che le rughe son testimonianza di aver vissuto ...ora sono in pace!
Non m'importa più come appaio, come sono realmente...so di essere tonda...e mi trovo piacevole... non seguo la moda, non penso a ciò che possono pensare gli altri, mi basta essere decente PER MEstessa ...pulita e decorosa...e mi trovo simpatica! Dentro ..il grande spirito...si è ridimensionato e mi sento solo normale... vorrei sentirmi solo più serena, meno spaventata su certi argomenti ..ma vabbè..chissà...
Per il resto sono una signora di mezza età che ha ancora i sogni di una ragazzina e vorrei solo avere tempo avanti a me per tentare di realizzarne alcuni... e la mia goffaggine autoprodotta cala di intensità ogni volta che riesco a realizzare qualcosa di cui vado fiera...
La mia chiave di autostima è questa ...se penso o faccio qualcosa di cui sono fiera , il mio corpo con le sue dimensioni perde di importanza e posso anche decidere di sentirmi carina! E se mi sento in pace e viva... questo può diventare un ulteriore passo avanti per far pace con i miei organi interni e giungere alla guarigione? Posso migliorare la mia salute?
Hanno ragione Ruediger Dahlke, Thorwald Dethlefsen, Louise Hay e Claudia Rainville ???
Se si comprende il perché delle nostre malattie e ci si ama abbastanza,
ci si accetta, si decide di volgersi alla pace interiore e alla serenità,
non curandosi più dei bisogni imposti dalla nostra società ..ma ci si ascolta nelle nostre pulsioni più semplici e intime ... allora si può guarire?
Si può modificare la tendenza del nostro corpo a sottomettersi alla malattia e dargli l'input per reagire, per cambiare gli schemi di pensiero negativo e quindi decidere di guarire?
Ci sto pensando su....

6 commenti:

Mammamsterdam ha detto...

Grazie carissima, perché è un discorso che dovremmo davvero approfondire. Io posso solo dire, dall'esperienza dell'amica ultrasettatenne di mia madre, che è un tesoro di donna, ma quando le capita i corteggiatori ottagenari li tiene sulla corda, che non è mai tardi.

Io l'ho scoperto ieri, appunto, che dopo due giorni che il bonazzo non fa altro che farmi apprezzamenti sull'emisfero autstrale (che sto appunto con un vestito così mini che le mie bimbe, le amiche molto più giovani, in camerino mi hanno detto una cosa tipo: bella questa canottiera, cosa ci metti sotto? nient, è un vestito, ci ho comprato apposta le mutande a calzoncino da holly hobbie sotto).

Apprezzamenti che chiunque altro mi avrebbe fatto in qualsiasi altra situazione non legittimata dal teatro non solo mi avrebbero fatta sprofondare, ma probabilmente a un certo punto gli avrei dato una sberla. C'è da dire che è un maestro della variazione, che all'apprezzameto da trivio fa seguire quello più alato, e così alla fine mi veniva tanto da ridere del mio imbarazzo, che mi sono rilassata quel tanto da andarmi a far controllare il fondotinta sulle chiappe, per vedere se c'erano buchi di colore ("mettiti a 90 gradi", mi fa il bastardo).

Insomma, io lo so che da domani col cavolo che si permetterà di dirmi la benché minima cosa del genere, però dall'alto dei miei 90 chili posso solo dirti di cuore: non rassegnamoci a sentirci "solo" carine.

Siamo delle persone con un'anima bellissima, ma anche la tetta vuole la sua parte. Cominiciamo a voler bene anche al nostro corpo come oggetto di desiderio nostro e altrui, non dico ridicolizzarsi facendo le vamp in giro, ma solo un cambiamento interiore.

che per assoluta forza di cose passa anche all'esterno.

Insomma, parliamone ben bene.

valverde ha detto...

Sì cara credo sia importantissimo e soprattutto perchè anche sentirsi "piacenti e attrattive" per l'altro sesso (perdonami l'italiano indecente!) è vitale...
E (qua il mio discorso vira su argomento salute) se mi sento vitale e attraente e forte e allegra... come potrei mai ammalarmi? ocome potrei non guarire?
Infatti alcuni medici mi hanno detto : ci si ammala quando ci si sente o ci si recepisce tristi ,respinti,spenti,depressi perchè le nostre difese immunitarie si abbassano....
E allora ben venga l'abito succinto e la guepiere...
ben venga una rappresentazione teatrale in cui ti puoi sentire "Carne e Mente" "Corpo e Spirito" parimente attraenti ed eccitanti attraverso lo sgurdo dell'Altro ...ecco!
Grazie... leggerti mi aiuta sempre molto e anche se lontane e diverse ...certe "tue "cose le ho sentite vicine come fossimo casualmente "sorelle"...
un bacione valverde /alias rossella

NonnaPapera ha detto...

Bel post, Val.
Mi hai dato di che riflettere.

graz ha detto...

Ciao!! arrivo da te via Mammamsterdam. Due parole per dirti che sono felice di aver trovato il tuo blog. Ho 51 anni anche io e mi sto macerando su alcuni dei temi che tocchi in questo post.

Sarà che tutte le età di passaggio sono faticose .... :-))

Ora non posso ma torno con più tempo e, giusto per non inondare i tuoi commenti, ne scriverò anche da me.

Per il momento, bentrovata!!

valverde ha detto...

Grazie cara Nonna Papera...che a leggersi fra noi ..poi si hanno intuizioni e alla fine ne esce un discorso completo...e magari qualche "soluzione" arriva! baci paperosi val

valverde ha detto...

Ben arrivata qua cara Graz... sono andata sul tuo blog, che bello e ..ho trovato delle similitudini che...;))
non ci accomuna solo l'età!
Torna quando vuoi ,sempre bengradita!
un abbraccio ,val