lunedì 19 ottobre 2009

tugurio al gelo

oggi Lunedì :un bel freddo con sole...il pc del santuomo è KO così non posso postarvi le foto (poche) fatte nel fine settimana al tugurio...( solo il pc del sant. possiede il programma di scarico foto della sua digitale Cannon!).Comunque la cronaca ve la beccate ugualmente :hihihi:))
Intanto dichiaro ufficialmente chiusa la stagione delle "notti al tugurio" che se a luglio avevamo DENTRO la stalla +32 di notte ,sabato abbiam dormito con +6 ed era decisamente freddo! ;((
Per fortuna avevamo piumini e piumoni ma, anche se mi son coperta persino la testa , quando scappa la pipì in piena notte e ci son quelle temperature viene voglia di scappare a casa che qua anche con la caldaia spenta è più caldo!
Non avevamo con noi Fragolina ed è stato meglio che la piccina deve ancora fare il vaccino e per due gg. a casa aveva starnutito...terrore che possa prendere il cimurro , ma la vaccinazione ancora no perché la sto ancora sverminando!
E a dir la verità quei due gg.lassù senza di lei mi son parsi lunghi lunghi...lo so che è quasi ridicolo, ma mi son attaccata a Lei come non mai ,forse mi mancava proprio una cucciolina così giocherellona e invadente come lei!
( E' sempre fra i piedi e devi stare in continuazione attenta a non pestarla...ma proprio questa continua attenzione mi ha scatenato una gran voglia di ridere, di vivere, di non pensare ai miei mali : ecco pet therapy funziona eccome!)
Però con quel freddo e tutti i lavori da fare sarebbe stata un problema...
E' stato un tour de force ,siam arrivati sabato a mezzogiorno e siam corsi alla sagra a comprare da mangiare ( le ottime "burelle" focacce di pane all'aglio e rosmarino) e bere...la cagnina del Bosco dei Laghi vino d.o.c. della vicina Zattaglia. SQUISITA! tanto che la sera ..un po' per scaldarci e un po' perché siamo golosi di cagnina , nel freddo della stalla, ci siam fatti fuori un'intera bottiglia (tanto nessuno era al volante!) e siam andati a nanna brilli brilli e dalle 9,30 di sera ci siam alzati la mattina dopo alle 8.30 ancora euforici!;DD
Una volta l'anno mi sbronzo : ed è sempre il giorno della sagra dei frutti dimenticati perché bevo la cagnina ,unico vino che mi piace!;))
Poi ci siam viste le bancarelle ( purtroppo molte di meno rispetto agli altri anni, segno della crisi...sic) e abbiam acquistato le solite 3 piantine di ogni anno a prezzi modici :un gelso e un maggio-ciondolo piccini a 4 euro, un olivello spinoso un po' più grande a 6 e. (altre piantine da mettere a dimora!).
Indi su di corsa al tugurio e per le 14 eravamo già operativi, era piovuto nei gg. precedenti perciò mi son risparmiata di innaffiare ,in compenso ho dovuto tirare su e riporre in cantina ,tutti i tubi da irrigazione che essendo di gomma rischiano di rompersi col gelo e quanto pesano ve lo lascio immaginare. Fatto un giro nell'orto per togliere le piante di pomodoro ho constatato che continuano a fare i pomodori, ma non matureranno mai, quindi mi son raccolta una trentina di pomodori verdi e scatterà l'operazione di conservazione ! E intanto tirava un vento gelido che mi ha ghiacciato le ossa !Infine ho cominciato a spostare gli agrumi in vaso e li ho radunati stretti stretti o meglio vicini vicini dentro l'ossatura della serra che al prossimo giro su, chiuderemo col telone ... ho dovuto operare di centimetro perché i vasi son frandi-e pesanti- e ho giocato all'incastro delle chiome perché ogni alberello possa prendere luce e non ostacolarsi ,ma non potevo lasciare grande spazio fra loro, ho riposto ben 3 kumqwatt o arancini cinesi, un limone,un chinotto,due fejoas,due callestemon,un finto pepe,la mimosa,3 cedrine,2 gelsomini,la brugmansia e infine se ce la farò ci stringerò il kren e il rabarbaro ma solo per difenderli dalle grinfie di una talpina che l'anno scorso,avendoli lasciate fuori dalla serra, se li era mangiati!
A sera ero così intirizzita e rigida che oltre ad avere acceso la stufa a legna
(e la temperatura di cui sopra è raggiunta con la stufa a legna , pensate senza!)
mi son anche mangiata due piatti di minestrina in brodo bollente ...minestrina cotta sul fornelletto a gas e mai cibo ci è parso più buono ,forse perché innaffiato dal vino!!!;DD
Il santuomo intanto ha lavorato "con, su ,per, pro e contro" la grondaia!!!
La domenica mattina ci siam svegliati ai colpi di fucile dei cacciatori --maledetti--che nonostante il freddo han pensato bene di venire nei ns.campi a sparare a fagiani e leprotti...spero non ne abbiano preso neanche uno! Non vado più a guardare attraversando la strada perché ho già abbondantemente litigato l'anno scorso rischiando che mi impallinassero e aspetto solo di aver i soldi per recintare tutto col fondo chiuso e allora staremo a vedere...
Così son rimasta su e ho cominciato a fasciare gli alberelli...o non ridete vi prego , ma alcune piante che sono inadatte al clima (ma mi son state regalate e non ho potuto non piantarle) vanno aiutate nel primo anno di impianto per superare l'inverno : il gelo e il vento che lassù sono abbondanti, soprattutto a gennaio, possono "bruciare" un giovane alberello. Sulla terra ho sparso la pacciamatura a tenere calde le radici : o corteccia di conifere o gusci di cacao (un anno ho provato il lapillo vulcanico ma non son rimasta contenta) e poi sopra ho cominciato a fasciare dal basso verso l'alto con l'apposito tessuto-non- tessuto comprato , prima avevo tagliato tante strisce dal rotolo...
Così ho "coperto" la pawlonia, la catalpa, le due albizie, le palme e le cicas (che mio suocero ha voluto regalarmi e che sono inadatte ma in serra non ci stavano e le piantammo due anni fa ,ora son cresciute di 40 cm) e poi ho fermato il tessuto legandolo col filo tubolare di gomma verde ed è venuto un bel lavoro...anche gli uccellini erano incuriositi!;))
La nota positiva è che si preserva il tronco anche dagli attacchi di bruchi e lumache che non riescono ad arrampicarsi sul fusto! A marzo, tempo permettendo,sfascerò gli alberelli.
E poi ho spostato contro la parete riparata del tugurio una trentina di vasi perché prendano meno vento nell'attesa di piantarli in terra piena,ormai appena gli alberi perdono le foglie si possono mettere a dimora, sempre che nel frattempo si siano fatte le buche!:)) Ci rimangono una trentina di vasi grandi e un centinaio di piccini..che però pianterò in primavera!;DD
La messa a dimora nei mesi "sbagliati" è sempre stata motivata da una sofferenza della pianta in vaso che magari aveva forato con le radici... perché, se uno potesse seguire le regole le piante, andrebbero messe in terra piena a ottobre,novembre e dicembre e poi al massimo a febbraio-marzo quelle a fioritura tardiva...parlo di alberi... e mai nei mesi restanti...ma noi abbiam sempre "operato" come potevamo e le perdite son sempre state contenute!
Alla fine alle 17 ho smollato il colpo che la mia schiena non ce la faceva più e non vi dico le ginocchia! Siam tornati a casa "cotti ma surgelati" e ieri sera una doccia bollente da spellarmi --uhm... stamattina le mie povere mani sembrano quelle di un agricoltore di 90 anni ..hai voglia a ungerle con olio d'oliva ...e la faccia...hahaha proprio da strega , altro che cremine antirughe !ci vorrebbe la bacchetta magica di Harry Potter! Ecco : le creme le dovrebbero testare su gente che lavora all'aria aperta in campagna,montagna o mare selvaggio e allora avrebbero dei veri test, altro che sui poveri animali!
pssttt...a casa Fragolina si era finita 3 piattini di pappa e dormiva fra i cuscini del letto di babbo...TZé e io che mi ero disperata! ;DD

Nessun commento: