giovedì 21 ottobre 2010

il brutto anatroccolo

Bella giornata di sole , girello in rete e vado al blog di Nonna Papera e mi vedo un bellissimo filmato con la fiaba che fin da piccina è stata la mia preferita :
Il brutto anatroccolo (sintomatico no?!) ...( seguita poi a pari merito da Cenerentola e Biancaneve !)... ripenso alla mia infanzia ..
ECCO! Qual'è stata la prima favola in assoluto che vi hanno raccontato/letto e che ricordate voi?
Faccio un distinguo : la prima favola che mi hanno raccontato a voce fu Cappuccetto Rosso --un "must" visto il mio nome -mio papà me la raccontava facendo tutti i rumori del bosco!la voce in falsetto per Cappuccetto, quella roca e tremolante della nonna, la vociona del Lupo, sul cacciatore poi era ferratissimo!!cantava pure le canzoni ! e ..già da allora io ero una vera spaccaballe...;)) perché non volevo che il cacciatore uccidesse il lupo , poteva sparargli ma poi alla fine il lupo doveva essere vivo! anche se dalla sua pancia venivano estratte la nonna ,cappuccetto e soprattutto le frittelle! (la domanda fissa era : e le tittelle??? !!) ossignur ..una golosastra ecologista fin da piccola! che per me era uno spreco pensare le frittelle nella pancia del lupo e poi povero lupo doveva restare vivo anche lui.. e magari mangiarsi le mele del cestino di Cappuccetto! hahahaha--
Ma tornando al "tema" del post ... la prima favola invece che cominciai a ricordare perfettamente da sola fu "Il brutto anatroccolo" forse perché me ne regalarono il libro illustrato...
Eravamo in estate, villeggiatura a San Giuliano a mare (Rimini) e i miei dovettero assentarsi un giorno ,non so il motivo , mi affidarono ad una coppia di zii senza figli che stravedevano per me... ricordo solo che gli zii mi portarono a spasso "in trionfo"tutto il giorno presso i loro amici ed io da furbetta godetti di quella giornata di vizi... ero piccina, appena tre anni e mezzo (ma il ricordo è nitido, uno dei primissimi) e mi riempirono di coccole ...probabilmente vidi la copertina del libro e capirono che mi attirava o che ne so : insomma alla fine lo acquistarono e nel pomeriggio seduta in spiaggia mi lessero la fiaba mostrandomi ogni illustrazione... Da allora il delirio : mi feci leggere e rileggere quella favola e fu su quel libro che poi imparai anch'io a leggere precocemente! Si svelò un mondo ai miei occhi e da allora non smisi più...Biancaneve , Cenerentola,Cappuccetto Rosso e poi Maria Marina,quella dei 7 fratellini trasformati in cigni (credo si intitoli i7cigni)...ecc.. fino al primo vero libro ( cioè un racconto lungo) regalato a sei anni : Tom Sayer seguito da Pinocchio ...!
La cosa che mi piaceva di più era leggere le favole e poi rimaneggiarle a modo mio e quando mia mamma cominciò poi a raccontarle alla mia sorellina, che arrivò in famiglia quando io compii 4 anni, io raccontavo sempre la mia versione ...hahaha che caratterino!E per anni mi inventai delle favole da raccontare a E. la sera ,quando eravamo già a letto e avremmo dovuto dormire , ma lei aveva paura del buio... e perciò io le tenevo la manina (eravamo in due lettini gemelli quasi attaccati) e bla bla bla per tanto tempo ..su è giù fra le nuvole, fra castelli e draghi, folletti e fate, principi e dolci principesse felici che vivevano in posti magnifici e mangiavano tanti dolci...;DD
Crescendo le favole diventarono racconti e confidenze e ancora oggi la sera vorrei poter raccontare favole a qualche piccino vicino a me...ogni tanto penso che le fusa di Tommy siano l'equivalente di quella manina ...
Rimane il mio quesito in rosso...se ne avete voglia fatemi sapere qual'è la vostra prima favola ricordata...

6 commenti:

NonnaPapera ha detto...

Mi ricordo, la capra e i 7 caprettini. Una delle poche favole che ci raccontava mia mamma, come mi piaceva.
Poi mi c'era Bu'ettino (Buchettino), l'UNICA favola che mi raccontava mia nonna dopo moooolte insistenze. Purtroppo mi ricordo solo il titolo, cosa darei per ricordarmene il contenuto!!!
Appena ho imparato a leggere sono finalmente stata in grado di leggermele da sola, e da quel momento è stato un fiume in piena: leggevo, leggevo, leggevo....
E' probabile che io e te abbiamo avuto la stessa edizione del brutto anatroccolo, quella con il libro a forma di anatroccolo. E' così?

P.S. grazie per il tuo messaggio sul mio blog, mi ha fatto tanto piacere :-)

Il folletto paciugo ha detto...

Cara Val
la favola fu Cappuccetto Rosso, dalla quale ricavai un incubo tremendo che a passarmi la paura del buio ci son voluti ben trenta anni .... ma se ci penso a volte ne ho ancora.

Un abbraccio

Robi

valverde ha detto...

Cara Nonna Papera quella dei 7 caprettini mi sembra di conoscerla,mentre l'altra no :mi spiace ,se no te l'avrei spedita
(ho molti libri di favole e confesso che alcuni li ho comprati da grande!).
Anche tu come me :letture e letture...eh!
Il libro non aveva la forma di anatroccolo ma aveva le forme di
cartone dentro...e in copertina un anatroccolo grigio da una parte e un bel cigno bianco dall'altra!
un bacione
val

valverde ha detto...

Ma povera Folletto ...che tenerezza! Mi spiace che Cappuccetto ti abbia lasciato la paura del buio...
tu pensa a Val vestita di rosso che corre nel buio e ti viene a salvare ..per mangiare un bel piatto di frittelle insieme..!;DD
Oddio spero non sia un incubo!;PP
un grande abbraccio
val
p.s. a volte anch'io temo il buio...e allora mi metto a cantare!

Annarita ha detto...

Mmmm non mi ricordo mica tanto bene...anzi, misà Pinocchio!

valverde ha detto...

Grazie Annarita... mi fa piacere confrontare le favole che conosciamo da piccini...ciao baci
val