domenica 3 ottobre 2010

lavello,frigo,specchi riciclati

Vi ricordate? Cercavamo un lavello in cemento grande da cantina...ecc... ecco alla fine abbiam fatto altro e ancora non lo avevamo comprato... Si vede che le energie non erano quelle giuste!E infine son felice, perché giorni fa da un appartamento di fronte han disfatto la cucina e ci hanno offerto il loro lavello in ceramica molto grande, quelli da lavarci i panni ,vecchio di soli 6 mesi, praticamente sembra nuovissimo e nella nostra cantina andrà benissimo! (non chiedetemi perché abbiano cambiato interamente cucina e bagno nuovi di appena sei mesi...). E son doppiamente felice perché il riciclo è per me importantissimo e in questa ottica abbiam raccolto (tolto le parti motore che son state portate nell'oasi ecologica) ben 15 frigoriferi che noi useremo da cassoni e vi giuro che come "incubatrice" sono una manna dal cielo, sono più alti (della terra!)e mi vien meno male alla schiena :) , ci metto le piantine appena nate dai vasettini e ci faccio radicare bene le talee...posso riempirli di terriccio mixato a modo mio e differenziato uno dall'altro , così ho frigo con solo piante acidofile e frigo con ortaggi, alcuni con gli aceri piccini e altri con i carpini o le siepi (stiamo preparando tante piante da mettere a dimora per fare i confini...ci metteremo dieci anni a coprire l' intero perimetro dei campi!:DD)...e quando li vuoto dal terriccio posso usarli da mega vasconi per le piante in vaso che in estate così si riparano un po' dal vento e stanno sempre con l'acqua sotto (ma poiché è un unico grande sottovaso per molte piante, basta mettere solo qualche goccia di bacillo thuringesis per la lotta contro le zanzare , cosa che nelle decine di sottovasi non riuscivo a far bene).Saremo forse dei "ruscaroli" ma buttare oggetti semi nuovi a noi sembra un vero spreco ... sia energetico-economico ,sia per l'ingombro e l'impatto sull'ambiente... Sapete che ci sono molte persone che ogni fine estate gettano ombrelloni e sedie da giardino semi nuove ecc... ma perché? Passano di moda? E' così difficile lavarli e riporli in cantina per la prossima estate ? Oggetti così vivono almeno per 5-6 anni! Sarà che siam stati cresciuti al risparmio, ma noi abbiam ancora tante cose da giardino che han toccato persino i 15 anni di vita e son ancora dignitose e utilizzabili! mah! così si chiude la vicenda lavello... credo che a noi durerà vent'anni!:DD
psst : pensate pure che siam accattoni ma abbiam accettato anche la loro vasca (che diventerà un bellissimo laghetto per ninfee e pesciolini o una bacinella per le anatre!;DD) e due specchi!Che ne ho tantissimi , tutti raccattati e riciclati...( e non per vanità ma perché orientati bene dentro la stalla danno luminosità , ma senza fare l'effetto lente come Archimede ci insegna! è che gli specchi dentro una stalla un po' buia ,coi finestrini solo in alto,se orientati bene possono veramente risolvere il problema luce in inverno contenendo i costi dell' illuminazione -anche se noi usiamo persino le candele..che faccio a mano con la cera: è uno sballo!)...

6 commenti:

Steffi ha detto...

Ciao Val,

son ben felice che per quello che gli altri erano contenti di disfarsi, tu ne abbia usufruito specie se programmato.

Ho visto un paio di settimane fa demolire a martellate una fontana tipo quella che poteva servirti, ti ho pensata e vedere quello scempio mi è molto dispiaciuto, il pensiero che poteva alloggiare utilmente altrove mi ha fatto riflettere sua quanto (alle volte)la gente spreca e poi si rammarica per la crisi ecc. ecc.

Sono super partes per il riciclo e
differenziara, purtroppo la regione in cui abito è il fanalino di coda della classifica del Belpaese e ancor più mi demoralizza il fatto che "sembra" dopo l'impegno di dividere da parte mia i rifiuti, quando vengono ritirati li rimettono insieme e li buttano con l'altra spazzatura in discarica.

Penso che se i tuoi generosi benefattori hanno deciso di cambiare in toto l'arredamento dopo sei mesi ... o c'è il cambio della dama del castello oppure per
qualche altra ragione tocca voltare pagina, forse tra poco toccherà al resto dell'arredamento.
Vuoi vedere che arredi il tugurio ancor prima che sia risanato nella struttura?

Biaci e abbracci St
P.S. Grazie per il resoconto "dell'orrore"

NonnaPapera ha detto...

Proprio ieri vicino al cassonetto c'erano 4 sedie in plastica da giardino. Non erano rotte, e non sembravano neppure troppo usate, mi chiedevo perplessa perché le buttassero via. E oggi trovo il tuo post.
Hai ragione, neppure io capisco chi fa così. Io ho sempre il vecchio ombrellone di una prozia, bellino con le sue frange cicciute di COTONE, robusto col suo scheletro d'altri tempi (mica la roba usa e getta di oggi), funzionale con la sua bella tela olona spessa e resistente che fa una bella ombra densa e soprattutto unico: un ombrellone così oggi non ce l'ha più nessuno ;-)

valverde ha detto...

Già cara Steffi che peccato vedere distruggere una fontana..mah!
per il lavello comunque credo proprio sia stato un cambio "dama del castello"! hahaha che perspicace che sei!
(mica son tutte uguali però! io quando arrivai qua non ho buttato nulla delle ex-dame...ho accorpato la mia roba,utensili e arredamento,a quello esistente e mi son sentita fortunata di aver tanto!...ma so che è pratica comuna gettare le cose delle ex...mah!)
baci
val

valverde ha detto...

cara Nonna Papera che bello un ombrellone vecchio stampo con la tela olona... ( posso capire visto che nel mio negozio di sotffe,secoli fa!, vendevo la stoffa olona resitente e bellissima...c'er a pure a fiori oltre che in tinta unita!)...ahhh che bei ricordi...
e i vecchi tendoni verdi da terrazzo di mia mamma son ancora integri e quando potremo ce li monteremo fuori dalla stalla, modificati, per avere un pò d'ombra!
baci
val

Danda ha detto...

Grande Val!
il tuo è un esempio da imitare! Hai scritto delle cose sacrosante che al giorno d'oggi dovrebbero essere tenute in grande considerazione, visto che il problema dei rifiuti è sempre più grave!
Brava, continua così e diffondi la tua saggezza! ;)

valverde ha detto...

Grazie Danda.... faccio, nel mio piccolo, ciò che posso e lo ritengo un piacevole dovere nei riguardi della nostra povera madre terra che ci sopporta!
e grazie a te con le tue idee e le tue iniziative...
baci
val