sabato 12 maggio 2012

argomenti non facili ma condivisibili

Da un confronto piacevolissimo e amichevole con Strega Bugiarda ,che qua ringrazio...
( vedi commenti sul post " dopo le foto del mare seconda gita" )
e da un "pezzo" che mi è stato spedito... ecco l'occasione per postarvi un argomento trattato da uno psicologo: è un po' enfatico a mio parere, ma ne condivido alcuni pensieri,l'ho trovato interessante , non fosse altro che per riflettere sui punti in disaccordo, indeed!
(sempre gradito un Vostro commento, che se non si è capito la parola che mi contraddistingue è "sharing" cioè condivisione ..e mi perdonino i veri traduttori dall'inglese!). Eccovelo:

(Psicologo)..../.../
In questi casi non si può parlare di cura, anche se, chi chiede una terapia, si sente patologico e domanda di essere curato. Nel corso degli anni ho individuato, dietro a tutte queste richieste di aiuto, una struttura di personalità forte e dotata di sensibilità, creatività, empatia e intuizione, che ho chiamato personalità creativa. Le persone che possiedono una personalità creativa sono capaci di amare, di sognare, di sperimentare, di giocare, di cambiare, di raggiungere i propri obiettivi e di formularne di nuovi. Sono uomini e donne emotivamente sani. Gente che non perde mai il contatto con la propria anima, cioè con quella saggezza profonda e profondamente ingenua, capace di sentire vibrare la bellezza e l’impalpabile immensità della vita in ogni cosa. Le personalità creative conoscono istintivamente la realtà interiore che ispira le nostre scelte (sia nel mondo immateriale dei sentimenti sia in quello materiale della fisicità). Sono persone che, nonostante il bombardamento di messaggi volti a deridere la presunta illusorietà di tutto ciò che i cinque sensi non riescono a padroneggiare considerandolo soggettivo, non perdono mai la consapevolezza che proprio quella soggettività è indispensabile, per vivere con pienezza. Le personalità di questo tipo sono inscindibilmente connesse alla propria anima e in contatto con la sua verità. Queste persone coltivano la certezza che la vita abbia un significato diverso per ciascuno e rispettano ogni essere vivente, sperimentando così una grande ricchezza di possibilità. E’ gente che non ama la competizione, la sopraffazione e lo sfruttamento, perché scorge un pezzetto di sé in ogni cosa che esiste. Gente che non riesce a sentirsi bene in mezzo alla sofferenza. Gente incapace di costruire la propria fortuna sulla disgrazia di altri. Gente che nella nostra società non va di moda. Gente disposta a rinunciare, per condividere. Gente impopolare. Derisa dalla legge del più forte. Beffata dalla competizione. Gente capace di mantenere salda la consapevolezza che la vita non è fatta soltanto di materialità. Gente che, a dispetto dell’emarginazione, del disprezzo sociale e dell’impopolarità che ne deriva, non dimentica mai l’importanza di ascoltare le cose col cuore. Gente che non riesce ad adeguarsi alle regole del predominio, che non sa approfittare dell’ingenuità, che non possiede la prontezza e la malizia per prevenire l’astuzia dei furbi. Portatori di un sapere che non piace, non perdono di vista l’importanza di ciò che non ha forma e non si può toccare. Sono queste le persone che possiedono una personalità creativa. Persone ingiustamente ridicolizzate e incomprese in un mondo malato di arroganza, e che, spesso, si rivolgono agli psicologi chiedendo aiuto. Ognuno di loro è orientato verso scelte diverse da quelle di sempre. E in genere hanno valori e priorità incomprensibili per la maggioranza. Non seguono una religione, ma ascoltano con religiosa attenzione i dettami del proprio mondo interiore. Sanno scherzare, senza prendere in giro. Sono gente che non trascura il codice dei sentimenti. Gente che bazzica l’immateriale. Gente che paga sempre di persona il prezzo delle proprie scelte e preferisce perdere, per non prevaricare. Gente fatta così. Poco ipnotizzabile. Poco omologabile. Poco assoggettabile. Gente che non fa tendenza. Forse. Di certo, gente che preferisce sopportare il dolore piuttosto che barattare la dignità. Gente poco normale, di questi tempi. Gente con l’anima. (Federico Mantile)
***********
Sarò presuntuosa ..però mi ci ritrovo e sono fiera della mia anima così com'è!e della crescita che ha fatto, che sta facendo e che farà...
********
E VOI CHE NE PENSATE? sono molto curiosa...

2 commenti:

Soffio ha detto...

che discorsone....a volte penso che basti voler bene

strega bugiarda ha detto...

Val, sono appena arrivata, ho letto e comincio con un enunciato:
Sei una bellissima persona.
La spiegazione dell'enunciato forse verrà fuori dal mio commento.
Non conosco lo psicologo che mensioni, ma so per certo che dopo grandi traumi, ed io non ho perso solo il mio amore(dopo 30 anni)ma anche famiglia, lavoro, e tutto quanto avevo, contribuisce molto per soggetti sani e creativi, la cultura, l'ambiente, le letture e gli interessi.
Mi sono aiutata molto con letture e curiosità, ed ho cercato di consapevolizzare gli accadimenti, per accettarli e superrli fino a quando una amica che abita in toscana, convinta che condivisione e comprensione siano le valvole per la nostra e la globale sopravvivenza, mi ha invitato ad andare da lei. In quell'ambiente ricco ma umile, ho imparato a vivere con serenità, perseguendo la vacuità delle cose, e coltivando solo ciò che ci sopravvivecioè: il pensiero, l'arte, l'amore.
Ho capito che noi siamo gli artefici del nostro destino, che ogni gioia o dolore non dipendono da fattori esterni, ma solo dalla nostra mente da come li recepiamo.
A distanza di anni, vivo sola e sono felice per quello che mi è accaduto, poichè mi ha dato la possibilità di valutare il tutto in modo diverso e di accorgermi di quanta gente mi voleva bene e quanti angeli esistono.
Avrei molto altro da dire, anche per il reiki che mensioni, per adesso inviandoti un sorriso smetto, sperando ci possa essere ancora un confronto, senza pensare a chi non è come noi, senza giudizi o pregiudizi verso chi non ha avuto l'imput che ci ha permesso di iniziare un cammino interiore e spirituale che ci appaga e ci rende sereni.
Un altro sorriso.