martedì 26 febbraio 2013

ohioiii eppure son felice



sabato pomeriggio
Vi ho lasciato  venerdì con neve e foto di pizze...ci ritroviamo oggi lunedì con sole e tanto da dire...riassumerò!
Ohihioiiiii... intanto e poi vi spiego!
Sabato era uscito un tiepido sole al mattino e la neve si era parzialmente sciolta, siamo andati subito in giro a far foto,spesa ecc.. e siamo finiti su per i colli a vedere gli alberi ricamati di bianco , ma poi alle 16 (dopo ehm..pappa buona su a San Luca) ecco che ha ripreso a nevicare e di brutto, tanto che alla sera eravamo di nuovo bloccati (che sabato mattina si era spalato ben bene il cortile e liberato le auto). Domenica abbiamo spalato di nuovo...(e qua l'inca++o cominciava a salire) e poi il consorte è andato a votare ..a piedi!( per fortuna vicino) e nel pomeriggio dopo ennesima spalatina, ecco siamo andati a far un giretto nel mio vecchio quartiere e poi a San Lazzaro e per finire al CentroNova giusto perchè c’era venuta voglia di cioccolata in tazza e , signore mie, incredibile ma vero, abbiamo visitato ben 4 bar per sentirci dire che non la facevano! (??ma è inverno: non va più la cioccolata in tazza?) Quindi abbiamo optato per il centro commerciale (che di domenica MAI) e finalmente là abbiamo potuto berci una squisita cioccolata in tazza (bar Alma Verde Bio , faccio pubblicità perchè la cioccolata era da favola e il ragazzo che ce l'ha preparata di una gentilezza unica!). Tanta rilassatezza di costumi (che ufficialmente avrei ripreso la dieta: hahaha , prego spanciarsi) l'abbiamo poi pagata! Infatti ieri lunedì , abbiamo caricato il Dado con badili, sale e cambi di scarponi e vesti...e siam partiti per il paesello dove io sono andata a fare il mio dovere di cittadina votante  (con immenso piacere).Abbiamo pranzato alla solita trattoria Valsenio (che dal lunedì al venerdì fa il menù per i lavoratori e con soli 10 euro si mangia un pasto completo, se si mangia invece un solo piatto ancora meno...e il cibo è squisito). e poi abbiamo affrontato la salita per il ns. tugurio...le marce ridotte inserite...e su ..tornante dopo tornante.. e ho cominciato a impallidire : tronchi spezzati...cumuli di neve  a dir poco alti.. Siamo arrivati...:quasi un metro di neve di fronte al vialetto… cancello bloccato, la siepe di  piracantha stesa al suolo (che sono 3 anni che la curo  e l'avevo pure sostenuta con dei pali) tutto a terra anzi sopra la stanga  che è prima del cancello...un DISASTRO!
Non è tanto la neve, che l'anno scorso ne era venuta di più , ( un metro e 80cm ma era secca...) il guaio è stato che questa era bagnatissima e ha piegato gli alberi con il suo peso , poi è venuto caldo (si fa per dire) di  botto e dagli alberi alti sono scese vere valanghe pesanti, schiacciando tutto sotto. Non solo ci è occorsa un'ora per entrare (cioè per arrivare al capannone e qua Consorte ha preso l'escavatore Poldino e ha cominciato a spalare per liberare un pò...e qua l'ho perso di vista veramente per due ore!)... i disagi non erano finiti!Appena sono riuscita a camminare con la neve all'anca (ed io non sono affatto bassa) ho potuto ammirare i danni! ... 3 pezzi di recinzione abbattuti (nel 2008 ci ho speso 2000 euro)con conseguente accartocciamento delle reti stesse e pure alberi divelti ! ;((
 E con la forza che mi contraddistingue nei momenti bui, mi sono gettata al
"salvamento" (l'ho scritto apposta così) con badile , mani nude e cesoie e vi giuro che dopo poco ero grondante di sudore , i capelli bagnati come fossi uscita da una doccia. Ho cercato di salvare l'osmanto, i tassi , i ginepri , PrimoPino... i bossi ecc.. e ho raddrizzato dopo averle liberate  le 3 reti...
Lì per lì non mi sono accorta di nulla tanto era il "furore" per i danni (che se vivessi là avrei invece potuto scrollare man mano gli alberelli e questi non si sarebbero massacrati) poi alle 16 mi sono fermata che non ce la facevo più ..e sono entrata in capannone: ho acceso il fuoco nella stufa  a legna e messo su un tè ..e a questo punto mi sono cambiata gli abiti fradici (persino gli scarponi erano bagnati ..dentro!) mi sono asciugata e strofinata bene con alcool ( l'acqua care ve la scordate che l'impianto è gelato e chiuso da un mese) ,disinfettata i graffi e i tagli ,rivestita di lana ,abiti asciutti e..ehm ..non mi muovevo più! ;D   ecco l'ohiohiohiiiiii... già! non alzo le braccia ,cammino come uno zombi, non piego la schiena..hahaha che rottame!
 Ma sono fiera : ho fatto il lavoro di un uomo e per 3 ore a mano ,cioè senza aiuto meccanico...! Dopo il tè bollente abbiamo chiuso e siamo tornati a casa che la strada stava ghiacciando e non volevamo rimanere intrappolati...
 I danni nella casa/tugurio non pervenuti! che non siamo neanche andati a vedere … e chi entrava? che ci sarà da spalare almeno un metro e  mezzo di neve? I gatti? In ottima salute...anzi! Sono in amore e in stalla abbiamo trovato due nuovi gattoni maschi : uno tigrato grigio e uno bianco e nero , non a macchie ma quasi a pois! buffissimo e super in amore......e le gatte erano molto interessate...: ahihiai!!;P
 La micia preferita del consorte , Magò, ne ha combinata una : è riuscita a salire nella piccole porzione di capannone/stalla che abbiamo adibito a casa provvisoria (con pareti in cartongesso e pannelli) e qua ha esagerato...mi ha gettato al suolo il mio piccolo "altarino"stregato.. No non pensate male, è solo un tavolino dove erano alcuni cristalli preziosi e le candeline , è un tavolino zen di fronte al quale pratico meditazione .Quella degenere ha buttato in terra tutto e ha giocato coi cristalli rimasti cioè quelli che non si sono rotti... aaarggggg... mi è pure scomparsa una pietra : la rodonite, chissà dove l'avrà spinta! (la rodonite è legata al perdono...uhm... quando una pietra si rompe o “scompare” si dice che abbia assolto il suo compito!:).
Bene l’ho perdonata e le ho lasciato il solito quintale di pappa…hahaha cuore di mamma gatta e cuore di pongo! Non sarò mai una donna dal cuore di pietra :non è nella mia natura!<3
Vi lascio alle foto e … permettemi … ma oggi io sono  felice !ho le stelline negli occhi!;DDD

sabato mattina sui colli
bolognesi



pappa buona da Vito a San Luca

polenta con funghi e formaggi

non si vede ma qua dietro gli alberi innevati c'è il
 Santuario della Madonna di  San Luca

cioccolata  di domencia pomer.

cappellacci ai formaggi e  tartufo del lunedì

qua la neve era bassa!

pizza strana!a stelle...;D





2 commenti:

Steffi ha detto...

che belle foto

Steffi ha detto...

Ciao Val,

ritento per vedere se riesco a combinare qualcosa e dire la mia sul tuo blog a beneficio degli altri lettori.

Le foto sono bellissime e quella con la cioccolata in tazza, vista e considerata l'ora, è quella che più ho gradito.

Un bacio e un abbraccio
Steffi